UNIONE EUROPEA

Ministra Lorenzin: tante donne a Strasburgo, un vantaggio per l’Italia

Cecilia Sabelli
Scritto da

Beatrice Lorenzin, classe 1971, entra nel mondo della politica aderendo al movimento giovanile della neonata Forza Italia, per poi essere eletta deputata alla Camera, nel 2008,  tra le file del Pdl. Dallo scorso anno ricopre l’incarico di ministro della Salute, prima per il governo Letta e oggi per l’esecutivo di Renzi. E’ tra le fondatrici del Nuovo Centrodestra per cui è candidata alle prossime Europee in veste di capolista nella circoscrizione dell’Italia centrale.

Pensa che una maggiore presenza di donne a Strasburgo, possa costituire una speranza per le donne italiane e la loro condizione?

Certamente e non solo: ne ricaverebbe innanzitutto un vantaggio l’Italia, perché le donne hanno dimostrato in questi anni di essere ligie e presenti in Parlamento e nelle Commissioni con tante proposte politiche e questa è una caratteristica molto importante. L’Europa, infatti, è un luogo dove o sei presente oppure qualcun altro decide per te.

Attraverso la salute della donna passa la salute della società”. Sono sue parole, cosa significano in concreto?

Una donna in salute è una donna che mantiene in salute anche la propria famiglia. Quando la donna si ammala, purtroppo, va in crisi tutto il nucleo famigliare, e lo abbiamo visto nei casi di malattie croniche. A tal proposito farà parte del mio impegno mettere in agenda per il semestre europeo una serie di riforme, molte preventive, a loro favore. Per esempio le Breast Unit per la prevenzione, la diagnosi e il trattamento dei tumori alla mammella e al collo dell’utero. E anche iniziative collegate alla salute delle ossa, alla necessità di adottare stili di vita più corretti. Parliamo soprattutto della lotta al tabagismo, dal momento che le donne oggi fumano di più e quindi sono più a rischio. Infine spingeremo per l’avanzamento delle terapie del dolore e per un piano pro natalità, entrambi temi che toccano anche l’Europa.

Da non sottovalutare anche il tema della ricerca scientifica, nella quale sono coinvolte con merito anche le donne e che ha bisogno dell’apporto europeo…

La ricerca scientifica è il nostro petrolio, occorre perciò attrarre nuovi investimenti e per farlo bisogna studiare una nuova normativa che li agevoli. Bisogna farlo anche per favorire le donne. Nel mondo della ricerca è infatti importante il merito che le agevola.

Quali sono gli ostacoli più significativi a cui vanno incontro le donne italiane diversamente da quelle europee?

Dobbiamo fare ancora molto per l’affermazione dei loro diritti. Nei momenti di crisi economica come questi, dobbiamo controllare il fenomeno della violenza contro le donne e combattere le discriminazioni in ambito professionale, dal punto di vista della carriera e della retribuzione. Nonostante ottime leggi, siamo ancora lontane dall’aver avuto una affermazione piena in questo senso.

Chi ha scritto questo post

Cecilia Sabelli

Cecilia Sabelli

Nasco a Roma, nello stesso anno in cui un Papa abbraccia il suo attentatore, un militare sovietico evita la guerra nucleare e una nota azienda informatica rilascia la prima versione di Word. Tutte anticipazioni sul mio futuro. Non diventerò Pontefice e non sventerò guerre, ma mi dedicherò all'arte dello scrivere imparando tanto nelle redazioni di Radio Vaticana, e di servizi esteri di agenzie stampa come l'AdnKronos. Giovane e donna, vivo, mi interrogo e scrivo di entrambi le condizioni. Mi sono affidata a Se non ora quando-Libere per trovare risposte: voglio capire come capitalizzare i risultati delle lotte che altre hanno fatto o stanno facendo per la mia libertà. Come reagire a una natura che mi impone dei tempi e a una società che sfrutta la scienza perché io li ignori pur di essere produttiva. Per ricambiare sono diventata autrice e web-editor del sito del gruppo. Finite le domande volerò in Brasile per parlare la lingua in cui ho avuto l’immenso piacere di discutere la mia tesi di laurea.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi