MAI PIÙ COMPLICI

Se non ora quando-Libere incontra Codice Rosa

Fabrizia Giuliani
Scritto da

Umiltà, gioco di squadra, fiducia, sono le parole chiave attraverso le quali si racconta Codice Rosa, esperienza pioneristica nel contrasto alla violenza. Abbiamo incontrato Vittoria Doretti per capire com’è nata e cresciuta la task force di Grosseto che ha cambiato la testa e il modo di operare delle istituzioni nella lotta alla violenza di genere.

– Come nasce e come funziona “Codice Rosa”?

Il lavoro in Pronto Soccorso mi ha mostrato come il problema vero fosse l’emersione. La voce ‘violenza altrui’ con cui venivano registrati genericamente gli abusi era una coperta da rimuovere, il confronto con i dati delle denunce in Procura lo confermava. Chi va in commissariato, o si rivolge a un Centro Antiviolenza, ha consapevolezza di ciò che è accaduto. Il problema è il sommerso – cadute dalle scale, bruciature – che passa senza essere visto perché personale con cui si confronta non è attrezzato a riconoscerlo. Lo Stato, in una parola, non c’è. 

Quali le difficoltà maggiori a cui avete dovuto far fronte?
Se l’obiettivo era far sì che le istituzioni agissero come un’unica figura dello Stato occorreva prendere atto della nostra inadeguatezza e avviare un percorso di formazione per personale ospedaliero, polizia, e procure; codice rosa è un percorso specifico – in Pronto Soccorso si parla in Codice – che mette al centro chi ha affrontato la violenza; niente più corse per una stanza protetta, tamponi o domande invasive: sono le istituzioni a doversi coordinare. Sembra semplice ma è una rivoluzione. Siamo partiti dalla violenza di genere, ma questa modalità di operare ci ha consentito di riconoscere le tante facce di violenze taciute: minori, gli anziani, le vittime di omofobia. Ecco forse, la difficoltà più grande è non giudicare, e insegnare a chi è in trincea a non giudicare mai chi si ha davanti, mai. Il giudizio è un ostacolo pesante che impedisce di vedere e può diventare una zavorra quando si combatte.

Dal primo gennaio 2014 il Codice Rosa è ufficialmente presente in tutte e 16 le aziende toscane.

– Potrebbe darci qualche dato?
A Grosseto, nel 2010 i casi identificati col codice rosa sono stati 309, nel 2011 oltre 500, per arrivare nel 2013 a identificare in tutta la Toscana 2.998 casi. Nel primo semestre 2014 1.665 casi (- 1.472 su adulti – 84% donne – 1.367 maltrattamenti, 64 abusi, 41 stalking), e 193 su minori (164 maltrattamenti e 29 abusi); le fasce di età più colpite sono quelle 30-39 e 40-49 anni, la cittadinanza è italiana nel 72% di casi.

Chi ha scritto questo post

Fabrizia Giuliani

Fabrizia Giuliani

Sono nata a Roma, dove vivo con mio marito Claudio e i nostri figli, Antonio ed Ella. PhD, insegno filosofia del linguaggio e studi di genere alla Sapienza di Roma, dove coordino, con Serena Sapegno, il Laboratorio di Studi Femministi. Ho tenuto corsi di semiotica e linguistica in diverse università italiane, sono stata Fulbright Scholar a Harvard, e presso l'Università per Stranieri di Siena ho avuto l’incarico di Consigliera per le politiche delle pari opportunità. I miei lavori si sono concentrati sulla produzione del significato delle lingue storico - naturali e sulle modalità con le quali i sistemi simbolici danno conto della differenza tra i sessi. Sono coinvolta nella teoria e nella politica delle donne dai primi anni universitari, ho contribuito alla fondazione di DiNuovo e poi dell'avventura rivoluzionaria di Se non ora quando. Nel 2013 sono stata eletta deputata nelle liste del PD, dove lavoro in Commissione Giustizia.

https://twitter.com/fabriziagiuliani
http://www.fabriziagiuliani.it/

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi