NOTIZIE

RASSEGNA STAMPA

Libere
Scritto da

RASSEGNA STAMPA 31 gennaio – 7 febbraio 2016

Conferenza di Parigi: Libere firma la Carta internazionale per l’abolizione della maternità surrogata. 

 

L’intervista rilasciata dalla nostra Francesca Izzo subito dopo il suo intervento davanti all’Assemblea nazionale (Parlamento) francese nell’ambito del convegno mondiale per l’abolizione della maternità surrogata.

– Che libertà.it del 3/02/2016


La nostra Francesca Marinaro spiega su l’Unità, l’obiettivo delle assisi per l’abolizione universale della maternità surrogata:

«Noi femministe siamo contro l’utero in affitto». L’appello da Parigi

– L’Unità del 3/02/2016


Le nostre parole e alcune immagini di questa giornata storica dedicata alla firma della Carta per l’abolizione universale della maternità surrogata:

Il nostro intervento al convegno mondiale di Parigi

– Che libertà.it del 2/02/2016


Libere arriva a Parigi, dove esperte ed esperti della materia e rappresentanti di associazioni femministe provenienti da vari paesi d’Europa e del mondo, nonché personalità del panorama politico e culturale francese, s’incontreranno per discutere il tema della maternità surrogata e firmare la Carta per la sua universale abolizione.

Assise per l’abolizione della surrogata. Andiamo a Parigi!

– Che libertà.it del 31/01/2016


La maternità surrogata, ammessa da una giudice, in mancanza di ogni legge sulla fecondazione assistita, “ha trasformato la donna da persona dotata di sentimenti ed emozioni in un puro contenitore”. Così Miriam Mafai in questo scritto del 2000 di un’attualità impressionante e di una grande finezza analitica. 

 Quando Miriam Mafai disse “no” alla surrogata

– Che libertà.it del 28/01/2016


Approfondimenti e notizie:

 

Se la situazione europea ancora oggi presenta numerose disomogeneità, altrettanto variegata e complessa sembra essere la situazione nel resto del mondo. Il focus della nostra Silvia Pizzoli.

– Che libertà.it del 7/02/2016


Il caso di conflitto di interessi della senatrice belga, Petra de Sutter, nella commissione affari sociali del Consiglio d’Europa nonostante il suo impiego presso l’ospedale di Gand che lavora con cliniche indiane che praticano la maternità surrogata.

Consiglio d’Europa: non sostenere commercio di donne e bambini

– Che libertà.it del 31/01/2016


Attualità: 

 

Sono le donne, quelle che con i propri desideri, la determinazione e il duro lavoro hanno cambiato il corso della storia, le protagoniste delle fiction andata in onda in questi giorni sul primo canale. Il resoconto della nostra Simonetta Robiony.

Le tante donne della fiction

– Che libertà.it del 3/02/2016


Per Cristina Comencini la violenza è un problema culturale: “fa parte della cultura ancestrale degli uomini, la novità è che oggi la usano contro la libertà delle donne”

Il dibattito sul femminicidio esca dal recinto degli addetti ai lavori e dall’emergenza e diventi una questione politica di rilievo e di analisi della condizione maschile in questo inizio di nuovo millennio. Scrive così Annamaria Riviello.

La questione maschile dietro la violenza sulle donne

– Che libertà.it del 3/02/2016


Un’aggressione sessista in piena regola. E ciò non può non far riflettere. Dobbiamo arrenderci all’occhio per occhio? La riflessione di Serena Sapegno.

Meloni, la bella notizia e la volgarità sessista

– Che libertà.it del 2/02/2016


 

Chi ha scritto questo post

Libere

Libere

Siamo donne diverse per età, vita professionale e storie politiche. Molte di noi hanno fondato il grande movimento nato il 13 febbraio 2011 da un appello che si concludeva con le parole Se Non Ora Quando? Che libertà è il luogo dal quale lanciare alla società, alla politica e alla cultura la nostra nuova proposta: RIPRENDIAMOCI LA MATERNITÀ!

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi