NO ALL'UTERO IN AFFITTO

Come si fabbrica il senso comune

Licia Conte
Scritto da

 

Sì, la storia andrà in qualche modo avanti e chissà come. Comincia però a chiarirsi il suo significato se dalle colline di Los Angeles la fabbrica del senso comune riesce a imporre con tanta naturalezza anche qui da noi la pratica della maternità surrogata come atto di assoluta generosità. 

 

Qualche tempo fa (nel pezzo “Ma le soap vendono solo saponette?”) raccontammo una storia presa di peso da Beautiful: il capo della più importante azienda di moda americana si innamora di una ragazza povera e nera e ne fa la sua fidanzata e il volto del fashion made in Usa. Il giovane capo e il mondo americano della moda scoprono ben presto che la ragazza è un/una trans. Non battono ciglio: il/la trans resterà il volto della moda di Los Angeles e convolerà ben presto a giuste nozze con il suo amato. Ci chiedemmo allora: come finirà la storia? E che vuole dirci?

download

Scena tratta dallo sceneggiato tv “Beautiful”

Bene, ora ne sappiamo un po’ di più: il/la trans e il suo amato sono molto felici. Ma alla loro felicità perché sia perfetta manca qualcosa. Manca un bebé. Come fare? Già: ma c’è la maternità surrogata, no? Meglio però se il tutto si risolve in famiglia, secondo un costume cui Beautiful ci ha abituato. A fabbricare il bebè della celebre e ricchissima coppia sarà la sorellina del/la trans e sarà il seme di lui, l’amato, a fecondare l’ovulo della giovane e devota cognata. E pazienza se la fanciulla con questa avventura dovrà mettere duramente alla prova se stessa e il fidanzatino appena conosciuto! È il prezzo della generosità: almeno questo ci dice il familismo molto morale di Beautiful.

La storia certamente non finisce qui e riserverà sicuramente qualche altra sorpresa. Per esempio, i genitori neri (dunque meno raffinati) della ragazza sono contrari all’idea di sacrificarla sull’altare del buonismo. Sì, la storia andrà in qualche modo avanti e chissà come. Comincia però a chiarirsi il suo significato se dalle colline di Los Angeles la fabbrica del senso comune riesce a imporre con tanta naturalezza anche qui da noi la pratica della maternità surrogata come atto di assoluta generosità. La crociata del “politicamente corretto” ha in effetti colpito ancora una volta nel segno. Ce lo dice l’entusiasmo con cui la vicenda Beautiful viene accolta sulla 27Ora.

Chi ha scritto questo post

Licia Conte

Licia Conte

Sono una giornalista. Della mia lunga e assai varia attività ha senso qui sottolineare soprattutto quella dedicata alla promozione della cultura femminile. Nei primi anni '70 ho curato una serie di sceneggiati radiofonici: 12 ritratti di donne attive nella battaglia per i diritti, da Marie Olympe Des Gouges alle suffragiste dell'inizio del '900. Alla fine degli anni '70 ho dato vita come ideatrice e conduttrice a "Noi, voi, loro: donna", in onda tutti i giorni dalle 10 alle 10.45 su Radio 3. Da quella trasmissione scaturirono 5 libri, il più noto dei quali fu Le Altre, di Rossana Rossanda, fedele trascrizione delle discussioni settimanali alla radio tra lei, me e altre. Il libro fu in seguito tradotto in 5 lingue. Nacque da lì Orsa Minore, una rivista che ebbe vita breve e una certa risonanza. Sono fra le fondatrici prima di DiNuovo e poi di Se Non Ora Quando?

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi