ABORTO BATTAGLIE

194, le leggi valgono per tutti

Fabrizia Giuliani
Scritto da

 

Non è accettabile che il diritto all’obiezione di coscienza porti al sabotaggio di una legge dello Stato. Non è accettabile che in alcune aree del Paese siano a rischio la libertà e la salute delle donne.

 

Non sappiamo se e quanto siano da aggiornare i dati relativi all’applicazione reale della legge 194 che hanno portato al pronunciamento del Consiglio d’Europa.

Sappiamo che in esso non c’è nulla di improvvisato perché abbiamo esperienza, diretta e indiretta, delle difficoltà e della fatica che le donne incontrano oggi quando devono affrontare un’interruzione volontaria di gravidanza. L’autodeterminazione, che è cosa ben diversa da un generico diritto all’aborto, è stata una conquista decisiva per la coscienza civile di tutto il paese. Ha sottratto le donne alla sudditanza, alla paura e alla vergogna di una clandestinità che potevano pagare anche con la vita.

aborto aborti - 13 settembre 2013

Per queste ragioni ha superato la prova parlamentare e quella popolare del referendum e per questo ha funzionato, portando ad un calo degli aborti. Non è accettabile che il diritto all’obiezione di coscienza porti al sabotaggio di una legge dello Stato. Non è accettabile che in alcune aree del Paese siano a rischio la libertà e la salute delle donne. Le leggi valgono per tutti, bisognerà ricordarlo.

 

Chi ha scritto questo post

Fabrizia Giuliani

Fabrizia Giuliani

Sono nata a Roma, dove vivo con mio marito Claudio e i nostri figli, Antonio ed Ella. PhD, insegno filosofia del linguaggio e studi di genere alla Sapienza di Roma, dove coordino, con Serena Sapegno, il Laboratorio di Studi Femministi. Ho tenuto corsi di semiotica e linguistica in diverse università italiane, sono stata Fulbright Scholar a Harvard, e presso l'Università per Stranieri di Siena ho avuto l’incarico di Consigliera per le politiche delle pari opportunità. I miei lavori si sono concentrati sulla produzione del significato delle lingue storico - naturali e sulle modalità con le quali i sistemi simbolici danno conto della differenza tra i sessi. Sono coinvolta nella teoria e nella politica delle donne dai primi anni universitari, ho contribuito alla fondazione di DiNuovo e poi dell'avventura rivoluzionaria di Se non ora quando. Nel 2013 sono stata eletta deputata nelle liste del PD, dove lavoro in Commissione Giustizia.

https://twitter.com/fabriziagiuliani
http://www.fabriziagiuliani.it/

2 Comments

  • No, io sono a favore di una revisione della 194, perché è passato quasi mezzo secolo (e che cinquantennio ne vale 500!), e tante cose sono cambiate, tra cui la concezione del feto (pensato, ma anche scritto sui testi medici, non umano fino al compimento del 6′ mese), e la diffusione, gratuita, di ottimi anticoncezionali.Inoltre, temo che mettere in discussione l’obiezione di coscienza x l’aborto possa giustificare, x principio di parità, l’annullamento di questo diritto in altri campi o situazioni.Punterei molto di più su una buona educazione sessuale (non transgender), e all’uso degli anti contraccettivi.È la prima volta che non mi trovo d accordo.Mi spiace. Alessandra

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi