ABORTO PARLIAMONE

Medici obiettori, perché parlare di diritto?

Licia Conte
Scritto da

 

Lo Stato italiano ha chiesto alle donne di non chiamare diritto la necessità di tener conto della loro volontà in fatto di gravidanza. Non potrebbe chiedere anche ai medici obiettori di non chiamare diritto la necessità di essere compresi nel loro delicato problema di coscienza? 

 

Ogni maternità è un mistero da capogiro: una donna che in poche settimane si fa due. Ogni nascita è un’epifania e ogni epifania accende in cielo una stella cometa. Ogni nascita presuppone un sì, il sì di una donna: il sì di quell’una che misteriosamente si fa due. Nel racconto evangelico, che per tanti è parola ispirata e per tutti narrazione sublime, una ragazza, Maria, interrogata da un angelo, pronuncia subito quel sì. Un sì convinto. E quel “sì” fa di Maria la nuova Eva.

 

Dettaglio dell'Annunciazione di Cortona di Beato Angelico (tempera su tavola, cm 175x180) 1430 circa. La Madonna, a differenza delle Annunciazioni trecentesche, non si ritrae, ma anzi accetta il suo incarico con un cenno di inchino e con le braccia incrociate al petto.

Dall’Annunciazione di Cortona di Beato Angelico (1430). La Madonna, a differenza delle Annunciazioni trecentesche, non si ritrae ma accetta il suo incarico con un cenno di inchino e con le braccia al petto.

 

Può accadere però, e accade, che quell’una che sta per farsi due, davanti al miracolo della nascita si spaventi. E così indietreggia, cerca di sfuggire alla nuova realtà di se stessa. A costo di farsi male, di annullarsi; proprio perché non sopporta che la sua vita stia pian piano cominciando a intrecciarsi a quella di un altro/a. Che fare, allora? Come deve reagire la società di cui quella donna è parte? Obbligarla a portare a termine la gravidanza? E semmai come? Oppure, lasciarla sola? Sola o in balía di chi da lei e dal suo problema può trarre un orribile profitto?

Lo Stato italiano risponde con la 194: si ferma cioè rispettoso sulla soglia della sua coscienza. Con questa legge riconosce infatti l’autodeterminazione della donna: ossia riconosce che poiché in fatto di maternità si parla del suo corpo, non può essere ignorata la sua volontà. Del resto anche Dio, abbiamo visto, ha voluto un sì convinto di Maria. Dunque, davanti a una lei che non vuol farsi due, lo Stato italiano chiede aiuto alla medicina. Ma può accadere che anche alcuni medici non vogliano essere personalmente responsabili quando si tratti di interrompere un processo che ha in sé una speranza di vita. E anche lì che fare? Forzare la loro volontà, obbligandoli? Dispensare coloro che ne facciano richiesta dalla collaborazione in caso di interruzione volontaria della gravidanza? E, in tal caso, dispensare alcuni non danneggia, oltre le donne, tutti gli altri medici?

 

Senza titolo-1-Recuperato444

La risposta anche nel caso dei medici non è facile. Ma si possono fare alcune considerazioni. Lo Stato italiano ha chiesto alle donne di non chiamare diritto la necessità di tener conto della loro volontà in fatto di gravidanza. Lo Stato italiano non potrebbe chiedere anche ai medici obiettori di non chiamare diritto la necessità di essere compresi nel loro delicato problema di coscienza? Disarmiamo la lingua. In una collettività che vive in regime di pace l’unica arma fine di mondo è il diritto. Davanti al diritto infatti si arresta il dialogo. E si ricorre al diritto per l’appunto quando il dialogo non può, o non può più, aver luogo.

Ma davvero è così? Mettiamo i due soggetti una davanti all’altro: la donna e la/il medico. Lei un soggetto debole. La/il medico un soggetto sicuramente più forte. Rinunci il medico alla forza del diritto e mostri alla donna il volto della benevolenza, allo Stato quello del dialogo: la soluzione verrà.

 

 

Chi ha scritto questo post

Licia Conte

Licia Conte

Sono una giornalista. Della mia lunga e assai varia attività ha senso qui sottolineare soprattutto quella dedicata alla promozione della cultura femminile. Nei primi anni '70 ho curato una serie di sceneggiati radiofonici: 12 ritratti di donne attive nella battaglia per i diritti, da Marie Olympe Des Gouges alle suffragiste dell'inizio del '900. Alla fine degli anni '70 ho dato vita come ideatrice e conduttrice a "Noi, voi, loro: donna", in onda tutti i giorni dalle 10 alle 10.45 su Radio 3. Da quella trasmissione scaturirono 5 libri, il più noto dei quali fu Le Altre, di Rossana Rossanda, fedele trascrizione delle discussioni settimanali alla radio tra lei, me e altre. Il libro fu in seguito tradotto in 5 lingue. Nacque da lì Orsa Minore, una rivista che ebbe vita breve e una certa risonanza. Sono fra le fondatrici prima di DiNuovo e poi di Se Non Ora Quando?

1 Comment

  • mi piace l’approccio problematico a questa questione, così raro da molti anni a questa parte in cui si procede solo per spot e parole d’ordine, brava l’autrice.
    Tuttavia io giudicherei aberrante privare della possibilità di obiettare i medici ginecologi, cioè coloro che, alla fine, praticano materialmente l’aborto, non fosse altro perchè, tolta l’obiezione per motivi morali o religiosi, sappiamo bene perchè viviamo tutte in questo mondo, che gli altri non sono tutti necessariamente degli arrivisti speculatori obiettori per comodo e tornaconto, ma ce ne sono molti che lo sono diventati negli anni per “stanchezza”, per il fenomeno delle recidive che magari riguardano la stessa donna più volte nello stesso anno; e il fenomeno purtroppo è elevato, tra le giovanissime e tra le immigrate, segno che la prevenzione finora ha abbastanza fallito (e questo era lo scopo della 194: “eliminare” l’aborto)
    Altro discorso, da approfondire, riguarda le altre figure che spesso obiettano, ad esempio gli anestesisti.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi