RIPRENDIAMOCI LA MATERNITÀ UNIONE EUROPEA

Maternità al centro di una nuova Europa

Cristina Comencini
Scritto da

 

Non c’è futuro se non si rilancia la maternità, se la politica non lega la crisi dell’Europa alla natalità. 

Un’Europa in cui nascono sempre meno bambini e in cui i giovani diminuiscono sarà un continente in cui sempre meno si guarda al futuro, alla libera circolazione delle persone, allo slancio di cambiamento. I dati sul referendum britannico sulla Brexit ci dicono che i giovani dai diciotto anni ai quarantacinque hanno votato in maggioranza per restare in Europa.

I giovani vivono già il loro presente in Europa, viaggiano e lavorano sentendosi parte di una comunità più grande dei loro rispettivi Paesi. Non c’è futuro se non si rilancia la maternità, se la politica non lega la crisi dell’Europa alla natalità. Le donne devono portare avanti questa campagna per prime, esigere che venga messa in cima all’agenda politica, lavorare perché diventi coscienza diffusa e valore fondamentale di tutti.

Chi ha scritto questo post

Cristina Comencini

Cristina Comencini

Scrivo libri e dirigo film. Negli anni settanta ho partecipato al movimento femminista. Ero diventata madre giovanissima e la relazione con altre donne mi ha aiutato a capire me stessa, la mia vita. Abbiamo concepito e scritto l’appello del 13 febbraio 2011 perché pensavamo che era arrivato il tempo di rimetterci a lavorare tutte insieme intorno a un progetto comune per fare dell’Italia un paese anche per noi. Oggi credo che la nuova frontiera per le donne sia la costruzione con gli uomini di un mondo a due diversi e pari. E uno dei temi fondamentali che dobbiamo portare nella società è proprio una nuova maternità, la relazione con l'altro da sé che le donne hanno nel corpo, nella mente, nella loro storia.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi