MAI PIÙ COMPLICI

La bellezza oltraggiata

Sara Ventroni
Scritto da

 

Deturpare il viso con una marchiatura indelebile non è solo il segno del narcisismo ferito ma di un possesso primordiale: voglio uccidere tutto ciò che in te è bello.

 

“La ragazza è bendata, cosciente”. Sa che rischia di perdere la vista. Sa che ha perso la sua bellezza. Gessica Notaro, 28 anni, ex miss Romagna, è stata sfregiata con l’acido dal suo ex compagno, Jorge Edson Tavares, capoverdiano di 31 anni, già sottoposto a misura restrittiva con il divieto di avvicinamento.

Belle, vitali, appassionate: questo il ritratto delle ragazze rovinate con l’acido da uomini incapaci di accettare la fine della relazione. La storia di Lucia Annibali ci aveva fatto conoscere il reparto Grandi Ustioni, purgatorio terminale di donne che sono passate alla denuncia quando il no non è bastato. Non avremmo mai pensato che quel calvario potesse diventare un copione. La cronaca ha preso confidenza con benzina e acido, ustioni e bende: una morte-in-vita, seguìta dalla trasfigurazione dei lineamenti e infinite operazioni di ricostruzione perché “dopo di me non sarai più la stessa”.

Schermata 2017-01-12 alle 15.56.09

Queste non possono essere le conseguenze dell’amore. Tutti i commenti sono stati fatti. Si può solo aggiungere che in questi casi proprio la bellezza e la voglia di ricominciare accendono il delirio dell’uomo che viene lasciato. Deturpare il viso con una marchiatura indelebile non è solo il segno del narcisismo ferito ma di un possesso primordiale: voglio uccidere tutto ciò che in te è bello. Non potrai più essere desiderabile. E ti condanno a vivere con il mio sfregio addosso, come una creatura disfatta dal suo creatore.

Lucia Annibali ha appuntato la data della sua aggressione. Non ha rinunciato al sorriso e ha iniziato una nuova vita. Come dopo-morta. Non è una consolazione. Non è una vendetta. È la sua vita. Però a noi resta addosso tanta rabbia. Perché la violenza, come il terrore, lievita nella notte della coscienza. È imprevedibile, vigliacca. Attacca sapendo che non potrà esserci difesa. Ne usciremo solo rinunciando a salvare l’uomo che ci perseguita. La cosa ha il suo prezzo ma dobbiamo scendere dalla croce, e vivere.

 

Chi ha scritto questo post

Sara Ventroni

Sara Ventroni

Sono nata a Roma nel 1974. Attualmente collaboro con l'Archivio storico delle donne "Camilla Ravera" e con la Fondazione Istituto Gramsci. Ho pubblicato l’opera teatrale Salomè (No Reply, 2005); Nel Gasometro (Le Lettere 2006) e racconti sparsi (Sono come tu mi vuoi, Laterza, 2009; A occhi aperti, Mondadori, 2008; Scrittori in curva, Marotta&Cafiero 2009). Ho collaborato con Rai Radio 3 e sono stata editorialista dell’Unità. Anni fa, con il gruppo Di Nuovo abbiamo trovato la forza e le parole per riannodare, il 13 febbraio 2011, la relazione tra le donne e il paese. Ci siamo chieste, insieme agli uomini: Se non ora, quando? Oggi siamo ancora qui a domandarci – generazione senza figli e senza lavoro: che libertà?

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi