FEMMINISMO

Grazie, Anna

Libere
Scritto da


Anna Rossi Doria non è più tra noi. Proviamo un profondo dolore per la scomparsa di questa donna gentile che ha saputo esprimere grande lucidità ed autonomia intellettuale e nello stesso tempo passione politica. Ha incontrato negli anni settanta il femminismo che ha definito “una stagione di felicità pubblica”, ma ha saputo ricostruire anche una storia più antica del movimento delle donne. Ci ha mostrato il nesso profondo tra storia politica e istituzionale e vita delle donne a partire dalla conquista del voto come piena cittadinanza ma anche come mutamento nella vita privata di ciascuna.

Untitlghfghed-2

Un’immagine di Anna Rossi Doria da il Paese delle donne online

La sua prima attenzione verso le questioni sociali e verso i contadini meridionali ed i suoi interessi da ultimo per la immane tragedia della Shoah ed al centro i suoi scritti sulla storia delle donne, danno conto di una personalità ricchissima di interessi ma anche di un tratto del tutto originale che le viene dalla sua militanza con le donne, l’intreccio tra pubblico e privato che mutano insieme coscienza e realtà sociale. Grazie Anna, impossibile dimenticarti.

Chi ha scritto questo post

Libere

Libere

Siamo donne diverse per età, vita professionale e storie politiche. Molte di noi hanno fondato il grande movimento nato il 13 febbraio 2011 da un appello che si concludeva con le parole Se Non Ora Quando? Che libertà è il luogo dal quale lanciare alla società, alla politica e alla cultura la nostra nuova proposta: RIPRENDIAMOCI LA MATERNITÀ!

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi