Maternità

Nuovi servizi e non solo per una maternità libera

Untitlfsfsed-1
Francesca Marinaro
Scritto da

 

Perché non è solo un’elementare questione di equità fra i sessi, ma è il presupposto essenziale per la coesione e la crescita.

 

Sono convinta che l’utilizzo della parola “mamme” non ricacci indietro le donne, ma aiuti a pensare un’organizzazione della società a dimensione di uomini e donne. Oggi, ancora più di ieri, la libertà femminile, per tradursi nella realtà quotidiana, ha bisogno di un legame indissolubile tra maternità e vita sociale. In una comunità di uomini e donne, si tratta di un’acquisizione necessaria per rendere concreta la maternità come libera scelta. Perché non è solo un’elementare questione di equità fra i sessi, ma è il presupposto essenziale per la coesione e la crescita.

È risaputo ormai che ciò che fa la differenza sul reddito di un Paese e le sue dinamiche di sviluppo è la condizione delle donne e in particolare il loro inserimento nel mercato del lavoro. Con riferimento a questo, si ritiene che nelle società postindustriali le maggiori prospettive d’incremento occupazionale si concentrano proprio nei servizi alle famiglie e alla persona. Ed è proprio su questo terreno che l’Italia appare come intrappolata in un circolo vizioso: scarsità di servizi e bassa partecipazione femminile, che a sua volta è collegata alla scarsità di servizi.

Il mutare dei modelli familiari e relazionali tradizionali richiede nuovi obiettivi di organizzazione del lavoro domestico e di cura che tradizionalmente è stato svolto dalle donne, ma che per dare respiro alla libertà femminile deve essere condiviso con gli uomini e sostenuto da servizi pubblici e privati nuovi. Un cambiamento di questo genere sollecita tutti i livelli istituzionali, tanto quelli nazionali e regionali che locali, a sostenere azioni strutturali per assicurare beni e servizi alle famiglie e alle persone.

 

Screen Shot 2017-05-11 at 17.38.27
Si tratta di mettere in campo un mercato dei servizi economicamente produttivo, che come nell’esperienza francese, può essere in larga parte finanziato dalle stesse famiglie e persone che vi ricorrono con prezzi e qualità controllati. Certo sono necessarie politiche d’indirizzo nazionale, ma intanto i livelli locali e di quartiere si possono attivare sperimentando forme nuove, come ad esempio il “portierato di quartiere” (per es. Lulu dans ma Rue) per risolvere piccoli problemi come montare tende, aiutare i bambini a fare i compiti, preparare cene, riparare rubinetti, portare la spesa. Sembrano cose di poco conto ma nella vita quotidiana delle donne hanno il loro peso e la loro importanza.

 

 

Chi ha scritto questo post

Francesca Marinaro

Francesca Marinaro

Amo definirmi un’italo-belga; figlia di emigrati italiani in Belgio, negli anni ’60 ho studiato e vissuto a Bruxelles fino al 1991. L’impegno politico prima nel Pci e dopo nel Pd a sostegno dell’integrazione europea è stato per me il modo migliore per approfondire e portare a sintesi questa mia doppia appartenenza culturale. Sono stata particolarmente attiva nei movimenti europei a sostegno dei diritti delle immigrate e degli immigrati. Nella mia esperienza politica e istituzionale - parlamentare europea nel 1984 e senatrice nel 2008 - “l’Europa delle donne e delle persone” è sempre stato un terreno privilegiato d’impegno e di elaborazione. L’ho fatto e continuo a sostenerlo con lo spirito di chi vuole dare una mano, unendo quel che si può e si deve cercare d’unire per dare forma e consistenza a una società a dimensione di uomini e donne.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close