BATTAGLIE

Comunicazione, da Assisi l’inizio di una nuova stagione

Adolfo Wildt (1868-1931) San Francesco trequarti (1926)
Adolfo Wildt (1868-1931) San Francesco trequarti (1926)
Barbara Scaramucci
Scritto da

Il manifesto scaturito dall’assemblea di Articolo 21, organizzata con la Rivista S. Francesco, è al tempo stesso un punto di arrivo e, soprattutto, un punto di partenza. Di arrivo perché più di 30 anni fa molti di noi diedero vita al gruppo di Fiesole che aveva al centro il tema dell’onestà professionale, del recupero dell’etica della professione giornalistica, in un tempo profondamente diverso da quello attuale ma non per questo meno pericoloso per il diritto di informare e di essere informati. Un lungo percorso che 16 anni fa fu alla base della costituzione di Articolo 21 e che oggi ha necessariamente posto l’attenzione sull’evoluzione del comunicare in un contesto che allora non avremmo immaginato.

Non scrivere degli altri quello che non vorresti fosse scritto di te è la sintesi di un pensiero universale che prescinde dalle convinzioni religiose e politiche: ciò che temiamo per noi stessi dovrebbe essere ciò che non faremmo a nessun altro semplicemente in quanto essere umano, mio simile, fatto come me. Non è così per tutti, non è così per molti. I muri mediatici ci sono sempre stati, ma oggi lo strumento digitale li moltiplica, li fa deviare in modo parossistico verso l’odio, verso la violenza delle parole che equivale a quella delle azioni, verso una giungla mediatica in cui anche per i migliori professionisti a volte è difficile districarsi.

All’inizio dell’era digitale abbiamo esultato nella convinzione che il web sarebbe diventato quello che sognavamo, un grande strumento di conoscenza per tutti, una diffusione sana del sapere, una fantastica opportunità per abbattere i muri di ignoranza. E oggi invece è proprio via Internet che si elevano muri di odio mediatico a livello mondiale, campagne di diffamazione di cui sempre più spesso sono soprattutto le donne a subirne le conseguenze, falsità mostruose, che condizionano non solo la vita delle persone, ma perfino i destini dei paesi. Prima questi muri erano le pressioni del potere, le minacce, le persecuzioni politiche, la violenza fisica: oggi tutto questo purtroppo c’è ancora e ci si aggiunge l’odio diffuso a piene mani attraverso i social, fino al punto che – e lo sappiamo bene – si arruolano e si formano terroristi anche soltanto attraverso il web.

 Padre Enzo presenta alla vicepresidente della Camera, Laura Boldrini, il decalogo di Assisi, firmato ad Assisi dalle Giulie e Articolo 21 con la rivista San Francesco


Padre Enzo presenta alla presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, il decalogo di Assisi

Dobbiamo rassegnarci? No. Accettare tutto questo passivamente solo con la denuncia? No. Noi pensiamo che si debba combattere questa battaglia, che segna un passaggio d’epoca nel fare informazione, in modo più ampio e diverso. La denuncia sempre. Ma anche l’impegno personale e martellante nei confronti di chi ha il potere di modificare le regole e adeguare le leggi ad un tempo così diverso. Ma anche il riaccendersi di un rinnovato entusiasmo nel raccontare anche gli angoli bui, le periferie dimenticate del mondo ed educare ed educarci alla diversità. Ma anche la volontà di costruire alla formazione di nuove generazioni di comunicatori che diffondano il linguaggio della verità contro quello dell’odio, che abbiano la capacità di confrontarsi e di vincere il confronto dialettico per dimostrare come solo il ragionamento sia strumento plurale e garanzia di libertà e di diritto anche ad essere informati. Lo abbiamo scritto presentando l’evento di Assisi e lo stiamo realizzando oggi ad Ostia, ieri in Sicilia, domani – purtroppo – altrove, perché la spirale della minaccia non si fermerà.

Grazie al Sacro Convento, grazie a tutti coloro che hanno lavorato per la riuscita dell’iniziativa. Se saremo tanti. Il decalogo è uno strumento, e se faremo rete nel senso migliore del termine, riusciremo ad invertire la rotta e a far partire una stagione di rinascita e di verità. Einstein diceva: “continua a piantare i tuoi semi perché non sai mai quali cresceranno”. Articolo 21 ha fatto e continuerà fare bene questo tipo di semina e io confido ancora che ne possa venire una bella piantagione.

 

Chi ha scritto questo post

Barbara Scaramucci

Barbara Scaramucci

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi