ABORTO

Basta semplificazioni e vecchie divisioni

Francesca Marinaro
Scritto da

Bisogna riconoscere che l’aborto è sofferenza e rinuncia a una parte di sé e quindi evitare, soprattutto da parte delle donne, ogni tentativo di semplificazione per ridurla a pura questione di diritto. In quest’ambito le parole hanno il loro peso e la loro importanza per evitare il continuo ripetersi di contrapposizioni ideologiche. C’è una novità che tutte e tutti dobbiamo tenere presente: la drastica riduzione del ricorso all’aborto delle donne italiane. È quanto emerso anche dalla relazione del Ministero della salute sulla legge 194. Legge che, nel 1978, ha reso legale l’aborto nel nostro paese.

E questo credo non sia solo dovuto ai problemi di applicazione della legge 194, ma al fatto che per le donne italiane l’aborto non è un metodo contraccettivo. Questo è anche il frutto della responsabilità delle donne verso la procreazione che sta alla base della legislazione italiana. Infatti, nell’impianto della legge 194, l’aborto è una facoltà di scelta offerta alle donne a certe condizioni. Questa facoltà non si colloca nell’ambito dei diritti ma in quella della responsabilità, condivisione e limiti alla base di una società. In questo senso penso che la legalizzazione dell’aborto si pone come una trasformazione della struttura della cittadinanza, dove la donna decide perché accetta regole e limiti stabiliti dalla legge, che riguarda non solo le donne ma impegna tutta la comunità nazionale.

Se si fosse definita la scelta dell’aborto un diritto soggettivo si sarebbe inevitabilmente arrivati a far configgere questo diritto con quello di altri soggetti quali il padre del nascituro e il nascituro stesso. Per evitare tutto ciò si fece, dunque ricorso al concetto di autodeterminazione che riconosceva alle donne, in ultima istanza, la responsabilità di decidere se accogliere o non accogliere una nuova vita. Infatti è la donna che deve mettere in gioco tutta se stessa nella gravidanza, nel parto, nell’accoglienza del neonato [Francesca Izzo]. 

Nel nuovo scenario, caratterizzato appunto da una consapevolezza più profonda e matura del problema, gli appelli in difesa di “un diritto all’aborto” appaiono come una povera autodifesa del tutto inadeguata. Credo non servano contro-crociate su diritti inesistenti, c’è bisogno invece di valorizzare la nuova cultura della responsabilità che si esprime nelle donne italiane come il risultato della legge 194, perché basata su un chiaro equilibrio tra il valore della vita del nascituro e la salute delle donne, perché fa leva sulle loro responsabilità e della coppia, della scienza e coscienza del medico.

C’è una grande confusione in giro su una questione già conflittuale di per sé per le donne che devono decidere di ricorrere all’aborto. Oggi, più che ripetere le vecchie divisioni del passato, è forse il momento di confrontarsi sulla scelta delle donne italiane di non considerare e di non praticare l’aborto come metodo contraccettivo.

Chi ha scritto questo post

Francesca Marinaro

Francesca Marinaro

Amo definirmi un’italo-belga; figlia di emigrati italiani in Belgio, negli anni ’60 ho studiato e vissuto a Bruxelles fino al 1991. L’impegno politico prima nel Pci e dopo nel Pd a sostegno dell’integrazione europea è stato per me il modo migliore per approfondire e portare a sintesi questa mia doppia appartenenza culturale. Sono stata particolarmente attiva nei movimenti europei a sostegno dei diritti delle immigrate e degli immigrati. Nella mia esperienza politica e istituzionale - parlamentare europea nel 1984 e senatrice nel 2008 - “l’Europa delle donne e delle persone” è sempre stato un terreno privilegiato d’impegno e di elaborazione. L’ho fatto e continuo a sostenerlo con lo spirito di chi vuole dare una mano, unendo quel che si può e si deve cercare d’unire per dare forma e consistenza a una società a dimensione di uomini e donne.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi