Succede Utero in affitto

Le scelte dei singoli e la visione di un partito

Francesca Izzo
Scritto da

Nella discussione che si è aperta dopo le nostre dimissioni dal Pd, è forte il tentativo di indirizzarne il senso su un giudizio politico, o addirittura morale, sulla persona di Lo Giudice, nominato a capo del Dipartimento diritti civili del partito. A noi pare una maniera di evitare un confronto di merito sui temi che abbiamo posto. E forse conviene esplicitare le ragioni per cui abbiamo sempre evitato accuratamente in tutti questi anni di criticare le scelte dei singoli, fossero Vendola o Lo Giudice o altri, mentre abbiamo reagito duramente dinanzi alla decisione del partito di scegliere  -simbolizzando così il proprio orientamento in tema di diritti-  “la figura che ha fatto della battaglia per la legalizzazione dell’utero in affitto la propria bandiera identitaria”.

'Considerare un diritto civile una pratica che prevede la compravendita della pancia di una donna, allo scopo di…

Pubblicato da Se Non Ora Quando – Libere su Giovedì 2 agosto 2018

C’è una grande differenza tra i singoli e un’organizzazione collettiva. Un partito è una istituzione che elabora democraticamente (almeno dovrebbe) una propria visione su questioni come guerra/pace; vita/morte; relazioni tra i sessi; relazioni tra i popoli; l’interesse nazionale, ecc., una visione che è la cornice comune, il collante che tiene insieme le maggioranze e le minoranze che variamente si formano su scelte politiche contingenti (alleanze, ecc.). Una visione di parte che contribuisce alla formazione di orientamenti, di modi pensare e di sentire di un popolo, insomma, alla sua cultura. A un partito si aderisce volontariamente perché se ne condividono i valori e il programma politico. Nel momento in cui, con la designazione di Lo Giudice a capo del Dipartimento, è apparso che il Pd approvava e faceva propria una posizione che noi reputiamo incompatibile con i suoi valori fondativi, abbiamo deciso di non farvi più parte.

Quel che a noi sta a cuore è che nella matrice di un partito democratico permanga il netto rifiuto della riduzione delle donne e dei bambini a merce. Perché solo il formarsi di un orientamento generalizzato contrario alla surrogata può essere l’effettivo argine al ricorso a questa pratica da parte di singoli. In effetti, se gli sviluppi delle conoscenze mettono a disposizione degli individui  tecniche che consentono loro di realizzare bisogni o desideri, fortemente sentiti come quello di avere un bambino, e se le leggi lasciano varchi, è logico che molti vi facciano ricorso e io non sono affatto autorizzata a esprimere un giudizio di condanna. Mi dico: chissà cosa farei io se mi trovassi nella stessa situazione. Quindi nessun giudizio sulle scelte della persona, ma battaglia dura sulle idee, sulle posizioni che si esprimono per orientare, formare la cultura di una comunità nazionale, europea e mondiale e sul rispetto delle leggi.

 

Chi ha scritto questo post

Francesca Izzo

Francesca Izzo

Vivo a Roma ma sono originaria di un piccolo paese del casertano. Sono sposata con un figlio. Ho insegnato fino a qualche anno fa Storia delle dottrine politiche all'università l'Orientale di Napoli. Ho fatto parte dell'associazione di donne DiNuovo, e sono tra le fondatrici del movimento Se non ora quando. Dalla ormai lontana giovinezza partecipo a gruppi, movimenti, coordinamenti di donne e ne scrivo. Penso che la sfida più grande alla cultura e alla politica sia realizzare un mondo a misura delle donne e degli uomini, a misura dei due sessi. Dopo l'intensa esperienza del movimento Se non ora quando? sono persuasa che questo sia il tempo di rendere popolari le idee legate alla libertà femminile e quindi ho deciso con le altre di Libere di dar vita al sito Che Libertà.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi