PARI E DIFFERENTI SUCCEDE

Donne e fisica

Donna Strickland, premio Nobel, insieme ad Arthur Ashkin e Gerald Gérard Mourou, per i suoi studi sulla fisica del laser
Donna Strickland, premio Nobel, insieme ad Arthur Ashkin e Gerald Gérard Mourou, per i suoi studi sulla fisica del laser
Rita Cavallari
Scritto da

Tra i temi caldi in questo momento c’è il rapporto tra la fisica e le donne. Nel corso di una conferenza scientifica, il ricercatore Alessandro Strumia ha sostenuto che “la fisica è stata inventata e costruita dagli uomini, l’ingresso non è su invito”. Secondo Strumia, tra donne e scienze fisiche non esiste compatibilità, anzi, la vera discriminazione avviene verso gli uomini, che nei posti di rilievo si vedono scavalcare da donne meno qualificate di loro. Le parole sessiste hanno fatto scalpore, il CERN si è dissociato ed il fisico Strumia è stato travolto dalle polemiche.

Fabiola Gianotti, fisica italiana, attuale direttrice generale del CERN: «Il Cern considera la presentazione di Strumia come altamente offensiva. Ha quindi deciso di rimuovere le slide dall’archivio online, in linea con il codice di condotta che non tollera attacchi personali e insulti». L’agenzia Ansa, nel riferire sul caso, parla di due ricercatrici citate da Strumia e assunte dall’Istituto nazionale di Fisica nucleare, nonostante avessero meno citazioni di lui. Sarebbe questo attacco e non le idee espresse dal ricercatore ad avere generato il provvedimento del Cern.

Fabiola Gianotti, fisica italiana, attuale direttrice generale del CERN: «Il Cern considera la presentazione di Strumia come altamente offensiva. Ha quindi deciso di rimuovere le slide dall’archivio online, in linea con il codice di condotta che non tollera attacchi personali e insulti». L’agenzia Ansa, nel riferire sul caso, parla di due ricercatrici citate da Strumia e assunte dall’Istituto nazionale di Fisica nucleare, nonostante avessero meno citazioni di lui. Sarebbe questo attacco e non le idee espresse dal ricercatore ad avere generato il provvedimento del Cern.

I principali media hanno parlato dell’argomento e una importante rete televisiva, Sky Tg24, ha interpellato il noto fisico Carlo Rovelli perchè commentasse la questione. Lui ha obiettato che sarebbe stato più appropriato far intervenire una donna, ma gli è stato risposto che è meglio che sia un uomo a parlare di donne scienziate perché detto da un uomo è più autorevole. Rovelli ha scritto su Twitter circa la richiesta di Sky Tg24, riportando l’osservazione sull’autorevolezza maschile; Sky Tg24 ha risposto di essere stata fraintesa e la discussione si è ancora amplificata.

A rimettere le cose a posto ci ha pensato l’accademia reale di Svezia che ha assegnato il Nobel per la fisica ad una scienziata canadese, Donna Strickland (premiata insieme ad Arthur Ashkin e a Gerald Gérard Mourou), per i suoi studi sulla fisica del laser. Donna Strickland, nata nel 1959, è la terza donna insignita di un Nobel per la fisica dall’epoca della sua istituzione. Insegna nell’università di Waterloo in Canada. Leggendo le notizie su di lei apprendiamo che è professore associato. La cosa ha destato stupore e ci si è chiesto perché non sia ancora diventata professore ordinario. È una scienziata da premio Nobel, santo dio! Lei pare che abbia risposto che non si è mai presentata l’occasione giusta. Ebbene sì, deve essere proprio vero, tra la fisica e le donne c’è qualcosa che non va. Non sarà che questo qualcosa sono soltanto gli uomini?

 

Chi ha scritto questo post

Rita Cavallari

Rita Cavallari

Sono nata a Roma alla fine della seconda guerra mondiale e ho vissuto la rinascita del nostro Paese, il boom economico, gli anni della contestazione, il femminismo. Sono laureata in architettura e ho lavorato per molti anni in un ente pubblico. Conosco il soffitto di cristallo e l'ho provato sulla mia pelle. Sono divorziata. Ho un figlio che lavora all'estero e due nipoti adolescenti che tornano spesso in Italia. A volte temo che sapranno scrivere correttamente solo in inglese e dimenticheranno l'italiano. Amo leggere e sono coordinatrice del Circolo dei lettori della Biblioteca comunale Villa Leopardi di Roma. A causa di un incidente traumatico sono paraplegica. Partecipo a Se non ora quando da marzo 2011 perché credo che si debba progettare il futuro a misura delle donne e che siano le donne a doversi impegnare per questo.

Facebook: https://www.facebook.com/rita.cavallari.5
Twitter: @ritacavallari1

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi