Elezioni USA Europee 2019

Usa: cosa c’è dietro il voto delle donne

Antonella Crescenzi

Le elezioni americane di Midterm ci consegnano ancora un paese diviso a metà, tra i sostenitori dell’America first trumpiano e i sostenitori di un approccio progressista aperto ai problemi di una società complessa. Eppure, qualcosa è cambiato rispetto al novembre del 2016 per due fondamentali ragioni: i democratici hanno riconquistato la maggioranza alla Camera e molte risultano le donne elette tra loro. Non c’è dubbio che i due fatti siano strettamente connessi. Volti nuovi di donne in prima linea portatrici di istanze concrete e condivise dai cittadini, donne consapevoli della propria forza attrattiva e capaci di rappresentare nuove esigenze, hanno sospinto i democratici verso la vittoria.

Qui c’è materia su cui meditare per tutte e tutti, soprattutto da noi dove la politica è tornata ad essere di soli e per soli uomini!

Pubblicato da Se Non Ora Quando – Libere su Mercoledì 7 novembre 2018

Una potenza di fuoco che era mancata a Hillary Clinton nella battaglia per la presidenza, quando il sostegno femminile si rivelò parziale. Perché le donne americane, che avevano l’opportunità unica e straordinaria di eleggere Hillary se avessero votato in massa per lei,  hanno preferito astenersi o votare Trump? Per antipatia? Perché portava il cognome del marito? Perché lo aveva perdonato nelle questioni private? Perché non era una femminista pura? Perché aveva fatto errori nella conduzione della politica estera? Perché hanno creduto alle fake news diffuse da Facebook? Perché la ritenevano troppo legata agli interessi dell’establishment? Forse la risposta è da ricercare nell’insieme di questi interrogativi, e anche in altri di carattere più politico e sociale.

Gage Skidmore from Peoria, AZ, United States of America - Hillary Clinton


Gage Skidmore from Peoria, AZ, United States of America – Hillary Clinton

Ma ora si pongono altri interrogativi. Per esempio, le donne americane si sono pentite della loro precedente inerzia dopo aver visto Trump all’opera nei primi due anni del suo mandato? E il movimento #metoo ha contato nella vittoria democratica? La risposta è probabilmente affermativa in tutti e due i casi. Infine, la domanda che più ci preme: in vista delle prossime elezioni europee del maggio 2019, possiamo sperare in una pari reazione al modello maschilista che in questi ultimi tempi si sta sempre più imponendo in Italia?

 

Qui è più difficile dare una risposta. America ed Europa sono due mondi diversi, lo sappiamo. Eppure non dimentichiamo che Brexit (giugno del 2016) ha preceduto l’elezione di Trump (novembre del 2016) aprendo la strada in maniera democratica (fatto fondamentale) ad una vera e propria rivoluzione nei rapporti internazionali occidentali consolidati da decenni. La netta affermazione delle donne in America potrebbe parimenti dare uno stimolo, un esempio alle forze politiche e sociali che in Italia intendono sostenere quei valori democratici ed europeisti, intrinseci alla libertà ed autonomia delle donne, che ora appaiono minacciati.

Chi ha scritto questo post

Antonella Crescenzi

Antonella Crescenzi

Economista, sono stata dirigente del Ministero dell'Economia e delle Finanze e della Presidenza del Consiglio dei Ministri; ho curato l'analisi dell'economia italiana, le politiche europee, le tematiche del lavoro e di genere. Ho pubblicato vari scritti su tali aspetti e sulla crisi economica mondiale. Sono sposata da 35 anni e ho un figlio musicista. Vivo a Roma. Non sono mai stata iscritta a partiti, sindacati e associazioni ma ho sempre avuto a cuore la questione femminile. Partecipando a Se non ora quando, prima, e a Libere, dopo, ho creduto di fare la cosa giusta per favorire un cambiamento non più rinviabile della nostra società.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi