ELEZIONI EUROPEE

Il (non) voto delle donne alle europee 2019

Francesca Marinaro
Scritto da

Esaminando i flussi elettorali emerge un dato amaro, quello del forte astensionismo delle donne: dagli 11 milioni delle politiche del 2018, il numero delle donne che non si sono recate alle urne sale a 13 milioni nelle europee dello scorso 26 maggio. Se infatti si scende nel dettaglio dei risultati di queste europee, secondo i dati riportati su swg.it: dei 26,2 milioni di donne con diritto di voto, solo 13,1 milioni (50%) hanno partecipato al voto. Di questi 13,1 milioni, il 37% ha votato per la Lega (con un aumento del voto femminile pari al 17% rispetto alle politiche di un anno fa); seguono la lista del Pd e Siamo Europei con il 22% (con un aumento del voto femminile pari al 3%); i Cinque Stelle con il 17% (un calo del voto femminile pari al 14%); Forza Italia con il 9% (con un calo del 6%); la lista di Fratelli d’Italia con il 6% (con un aumento dell’1%).

In numeri assoluti possiamo affermare che la Lega ha preso circa 4,8 milioni di voti femminili, il Pd e Siamo Europei 2,8 milioni, i Cinque Stelle 2,2 milioni, Forza Italia 1,1 milioni, Fratelli d’Italia 788 mila. Questi numeri, uniti a quelli ottenuti dalle liste che non hanno superato la soglia di sbarramento, ci portano a un totale di partecipazione al voto di 13,1 milioni di donne, mentre l’altra metà ha scelto di non votare.  Qui c’è un terreno d’impegno nuovo da aprire e scavare per tutte quelle forze politiche, sociali e culturali progressiste ed europeiste, che possono e vogliono costruire un’alternativa credibile ai partiti populisti e sovranisti. In queste 13 milioni di astensioni è implicita una richiesta di una politica intesa, non come esercizio di potere, non come dibattito tutto interno, né come insieme senza una visione di società futura: nei fatti, e non a parole, c’è la richiesta di una politica rinnovata, effettivamente aperta e coinvolgente. 

 

Chi ha scritto questo post

Francesca Marinaro

Francesca Marinaro

Amo definirmi un’italo-belga; figlia di emigrati italiani in Belgio, negli anni ’60 ho studiato e vissuto a Bruxelles fino al 1991. L’impegno politico prima nel Pci e dopo nel Pd a sostegno dell’integrazione europea è stato per me il modo migliore per approfondire e portare a sintesi questa mia doppia appartenenza culturale. Sono stata particolarmente attiva nei movimenti europei a sostegno dei diritti delle immigrate e degli immigrati. Nella mia esperienza politica e istituzionale - parlamentare europea nel 1984 e senatrice nel 2008 - “l’Europa delle donne e delle persone” è sempre stato un terreno privilegiato d’impegno e di elaborazione. L’ho fatto e continuo a sostenerlo con lo spirito di chi vuole dare una mano, unendo quel che si può e si deve cercare d’unire per dare forma e consistenza a una società a dimensione di uomini e donne.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi