BATTAGLIE

Ma ora l’assedio ai palazzi di Bruxelles

Francesca Izzo
Scritto da

La condotta di Carola Rackete, capitana della Sea Watch, ha tutto il nostro rispetto, sostegno e solidarietà. In nome di valori che non sono negoziabili e che sono alla base della nostra civiltà giuridica (al di là delle singole declinazioni nazionali), come è quello di salvare vite umane in pericolo e garantirne l’incolumità, Carola è stata costretta a sfidare la legge italiana – e l’insensibilità europea – a costo di pesantissime conseguenze personali. È noto il conflitto tra principi: la tragedia di Antigone ne è un modello altissimo. Sappiamo perciò che quando esplode, l’esito tende a essere catastrofico: ne è segno l’imbarbarimento progressivo in cui stiamo piombando.

L’azione della Sea Watch tendeva a forzare pubblicamente la decisione del governo italiano di tenere chiusi i porti, mentre per il governo, in particolare per Matteo Salvini, era ed è essenziale sfruttare politicamente l’inerzia e l’indifferenza dell’Unione europea e dei singoli paesi verso l’Italia. Insieme a Malta e in parte alla Grecia, il nostro paese, dopo la chiusura della rotta balcanica (grazie al pagamento di miliardi di euro alla Turchia) è rimasta la terra di approdo della rotta mediterranea. E, infatti, al riparo dai riflettori, continuano a sbarcare sulle nostre coste centinaia di migranti.

E allora? Dobbiamo augurarci e mobilitarci perché altre azioni alla Sea Watch si ripetano? Oppure è arrivato il momento di spezzare questo circolo e mettere a fuoco un diverso e più efficace obiettivo. L’assedio va portato ai palazzi di Bruxelles, di Strasburgo, di Francoforte, a tutte le sedi degli organismi dell’Unione Europea perché è diventato insopportabile e vergognoso lo scaricabarile nazionalistico. Una politica migratoria comune è ormai un’impellente prova di esistenza in vita di quella realtà che chiamiamo Unione europea.

Chi ha scritto questo post

Francesca Izzo

Francesca Izzo

Vivo a Roma ma sono originaria di un piccolo paese del casertano. Sono sposata con un figlio. Ho insegnato fino a qualche anno fa Storia delle dottrine politiche all'università l'Orientale di Napoli. Ho fatto parte dell'associazione di donne DiNuovo, e sono tra le fondatrici del movimento Se non ora quando. Dalla ormai lontana giovinezza partecipo a gruppi, movimenti, coordinamenti di donne e ne scrivo. Penso che la sfida più grande alla cultura e alla politica sia realizzare un mondo a misura delle donne e degli uomini, a misura dei due sessi. Dopo l'intensa esperienza del movimento Se non ora quando? sono persuasa che questo sia il tempo di rendere popolari le idee legate alla libertà femminile e quindi ho deciso con le altre di Libere di dar vita al sito Che Libertà.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi