BATTAGLIE LINGUAGGIO

Il burqa della parola delle donne occidentali

Ph. Tay Calenda

Come sarà possibile un cambiamento sociale tra donne e uomini, se le prime non riescono neppure a nominare loro stesse?

Una donna velata, coperta dal burqa, è una donna la cui identità viene negata. Al suo posto  c’è una macchia nera. Noi, donne occidentali, non riusciamo a capire e condanniamo come repressione patriarcale questa usanza che cancella le sorelle islamiche. Poco siamo disposte a capire quelle che orgogliosamente difendono l’uso anche del meno coprente velo islamico: il hijab. Eppure, non siamo neppure noi immuni dalle tradizioni che ci nascondono, ci mimetizzano. Non siamo immuni dalle tradizioni patriarcali “nostre”.

Il nostro burqua si chiama: parola. Linguaggio di genere. Quando, il 3 agosto di due anni fa, al termine della fiaccolata di protesta per il 46esimo femminicidio dell’anno, le donne che rappresentavano le Istituzioni  hanno chiesto agli uomini di cambiare e alle donne di essere forti, di non accettare la violenza domestica, di denunciare, hanno tutte e continuamente usato parole-burqa. Le donne erano lì, presenti, in tante, eppure nei discorsi, nelle parole, erano invisibili.

Inaugurazione del Parco dei diritti delle bambine e dei bambini di San Donà (Foto Fb Francesco Rizzante)

Inaugurazione del Parco dei diritti delle bambine e dei bambini di San Donà (Foto Fb Francesco Rizzante)

Si chiede di essere viste, ascoltate, ma annullando, mimetizzando per prime la propria presenza. Sindaco, assessore, consigliere…no! Sindaca, assessora, consigliera…! Come sarà possibile un cambiamento sociale tra donne e uomini, se le prime non riescono neppure a nominare loro stesse? Ieri, all’inaugurazione del parco dedicato ai Diritti Delle Bambine e Dei Bambini, in tutti i discorsi pronunciati, le bambine e le ragazze sono state le grandi assenti. Nessuno e nessuna le ha mai nominate. Eppure tra il pubblico la loro presenza era maggioritaria. Da sole, volontariamente e talvolta caparbiamente, le donne occidentali indossano il burqa della parola.

 

Chi ha scritto questo post

Anna Maria Bardellotto

Anna Maria Bardellotto

Vivo a S. Donà di Piave, ho due figli e una figlia. Femminista e animalista, di mestiere faccio l'insegnante e come tale ho attraversato, senza perdere il piacere di entrare in classe, un numero considerevole di riforme scolastiche in una carriera equamente divisa tra scuola elementare e scuola media. Negli anni Settanta ho co-fondato il CIED, un collettivo femminista sandonatese che autogestiva una biblioteca rigorosamente di scrittrici. Dopo Siena, ho aperto la mia casa ai primi incontri fondativi del comitato SeNonOraQuando - S. Donà che, tra le tante iniziative, ha realizzato una mostra itinerante dal titolo "Oltre l'ostacolo" (https://www.youtube.com/watch?v=_pwNx7YAK9g ), il Concorso teatrale 'Monica Apicella' e il Convegno "Io, SONO ancora MIA?" .

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi