DONNE&ECONOMIA

Perché ci piace il Nobel alla Duflo

Antonella Crescenzi

Il Nobel 2019 per l’economia è stato assegnato ai tre economisti, Abhijit Banerjee, Esther Duflo e Michael Kremer, per aver contribuito, con un approccio sperimentale, al dibattito sulla povertà. L’assegnazione di questo premio ci soddisfa in modo particolare per varie ragioni. La prima ha a che fare con il tema della povertà.

Povertà sotto la lente degli economisti

Oggetto di una lunga riflessione sul finire del XX secolo, culminata nel 1998 con il Nobel ad Amartya Sen – che riaccosta l’etica all’economia secondo le originarie impostazioni della disciplina fondata da Aristotele -, il tema della povertà passa in secondo piano nella fase di massima espansione della “finanza creativa”. Torna però alla ribalta con la Grande Crisi del 2008, quando gli effetti di una impostazione dell’economia finalizzata al solo profitto si sono tragicamente manifestati. Riprendere e rafforzare oggi questo filo, offrendo ai policy maker ricette più efficaci per combattere la povertà, può quindi costituire un importante progresso per l’umanità; e non dimentichiamo che sono le donne e le bambine a rappresentare la maggioranza dei poveri nel mondo.

Questo Nobel dato a chi lavora per offrire sostegno concreto alla gente, rappresenta poi una speranza per la professione dell’economista: non più solo un arido conoscitore di modelli ed equazioni, ma soprattutto qualcuno che lavora per ridurre le povertà e le sofferenze.

Esther Duflo e la politica dei piccoli passi

Un altro motivo di soddisfazione è che uno dei vincitori è una donnaEsther Duflo, classe 1972, la più giovane persona ad aver vinto il Nobel per l’Economia. Nata e cresciuta a Parigi, era già nota per la sua straordinaria carriera. Da anni è un punto di riferimento per chi si occupa di povertà e sviluppo. È la seconda donna a ricevere il Nobel in Economia, dieci anni dopo Elinor Ostrom, premiata per i suoi lavori pionieristici sui beni comuni.

In particolare, il lavoro di Duflo e colleghi valorizza la politica dei piccoli passi, in luogo o accanto alle politiche tradizionali dello sviluppo concentrate su grandi capitali e investimenti infrastrutturali. Un esempio? Meglio investire due euro per acquistare una zanzariera in un villaggio, che può salvare dalla malaria molti bambini, piuttosto che aspettare che i governi operino le bonifiche e le case farmaceutiche producano vaccini a prezzi accessibili.

Pioniera del “women empowerment”

Infine, è utile ricordare che Esther Duflo ha fondato, insieme ad altri, l’Abdul Latif Jameel Poverty Action Lab (J-Pal) al MIT, il Massachusetts Institute of Technology. Si tratta di un laboratorio di ricerca sulla povertà da cui sono partite, non solo le idee innovative sull’approccio al tema degli aiuti umanitari di cui abbiamo parlato, ma anche quelle del “women empowerment”. Duflo sostiene, infatti, che aiutare le donne ad avviare una attività sia un potente motore di sviluppo economico e rinascita sociale, da ben prima che questo concetto diventasse di dominio comune.

Chi ha scritto questo post

Antonella Crescenzi

Antonella Crescenzi

Economista, sono stata dirigente del Ministero dell'Economia e delle Finanze e della Presidenza del Consiglio dei Ministri; ho curato l'analisi dell'economia italiana, le politiche europee, le tematiche del lavoro e di genere. Ho pubblicato vari scritti su tali aspetti e sulla crisi economica mondiale. Sono sposata da 35 anni e ho un figlio musicista. Vivo a Roma. Non sono mai stata iscritta a partiti, sindacati e associazioni ma ho sempre avuto a cuore la questione femminile. Partecipando a Se non ora quando, prima, e a Libere, dopo, ho creduto di fare la cosa giusta per favorire un cambiamento non più rinviabile della nostra società.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi