LA SOLITA SILVIA

Una speciale lezione di grammatica

Silvia Pizzoli
Scritto da

Pausa caffè in ufficio, una collega ci riporta questo divertente scambio avuto con la figlia più grande che frequenta la seconda elementare:

“Marti, come è andata a scuola”?
“Mamma, ho bisticciato con Giulio”
“Perché, cosa è successo?”
“Ha scritto sulla lavagna le parolacce  C___ e V___”
“E voi che avete fatto?”
“Io gli ho detto che non si scrivono le parolacce e poi che non é nemmeno capace perché mancavano le doppie!”
“E lui?”
“…si é messo a piangere!”

Dopo aver proposto ’92 minuti di applausi’ per la piccola (che comunque è stata ripresa per aver fatto piangere il compagno), ho pensato alla forza di questo aneddoto; in particolare alla capacità spiazzante dei bambini di arrivare dritti all’essenza e al senso della realtà: nel mondo dei grandi bullismo e ignoranza sono così cementati tra loro che la battaglia per sconfiggerli richiede un grande sforzo, mentre alla piccola Martina è bastato correggere le doppie! E allora grazie Martina, a te e a tutte le bambine che come te ci aiuteranno a cambiare pezzetto dopo pezzetto questo mondo.

Chi ha scritto questo post

Silvia Pizzoli

Silvia Pizzoli

Nata a Roma. Studentessa, commessa, receptionist e oggi segretaria. Il 13 febbraio 2011, a pochi giorni dalla laurea, ero in Piazza del Popolo a manifestare per il rispetto della dignità delle donne. Alla soglia dei trent’anni le domande che da qualche anno ormai mi ronzavano nella testa hanno cominciato a farsi sentire di più. È passato un po’ e ancora non ho trovato tutte le risposte che cercavo, così ho deciso di ripartire da un aspetto determinante e imprescindibile: il mio essere donna nella relazione con l’altro e la società. Di qui l'incontro con Libere; è venuto il momento di impegnarmi perché mi sono convinta che la società civile non possa più restare silenziosa di fronte ai cambiamenti che la investono.

1 Comment

  • Però la maestra ha rimproverato lei invece del compagno che aveva scritto le parolacce alla lavagna. Ingiustizia patriarcale nella scuola.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi