BATTAGLIE CHE RICOSTRUZIONE UNIONE EUROPEA

Video appello Cristina Comencini: l’Europa siamo noi!

Cristina Comencini
Scritto da

Di seguito il testo dal video appello di Cristina Comencini dal sito di Repubblica.it:

Da qualche giorno noi di Se non ora quando Libere, insieme a molte altre donne impegnate nel mondo della letteratura, della scienza, dell’istruzione, dell’arte, abbiamo lanciato un appello ai governanti d’Europa per dire basta agli egoismi nazionali e per affermare che è il momento di ricostruire i nostri Paesi con un grande progetto comune che metta al centro gli esseri umani.
 
Migliaia di donne e uomini, da ogni parte d’Europa, hanno già risposto al nostro appello. E noi vogliamo ringraziarli tutti: una per una, uno per uno. Sarebbe bello poterci dare un appuntamento nelle piazze delle città europee. Ma sappiamo che non è possibile. Abbiamo nostalgia del contatto nelle relazioni umane ma non ci lasciamo scoraggiare. Vogliamo anzi andare avanti insieme, oltre i confini nazionali.  

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

 
Il 23 aprile prossimo si riuniranno i capi di stato e di governo europei. Verranno prese decisioni essenziali per il nostro futuro comune. Chiediamo a chi condivide il nostro appello di far sentire la propria voce e inviarci entro il 20 aprile un video messaggio che dica ai governanti che dobbiamo uscire da questo sconvolgimento in un modo nuovo.
 
Dobbiamo investire su quello che oggi stiamo riscoprendo e ci sta salvando: la cura dei corpi e delle vite, anche quelle più fragili, il rapporto tra le generazioni, l’educazione, il lavoro, la famiglia, l’economia e l’umano. Abbiamo capito in questa quarantena che non sono solo parole femminili. Certo, le donne sanno da sempre che pubblico e privato non sono capitoli separati della vita. Ma gli effetti della pandemia ci fanno ritrovare, donne e uomini, davanti a questa comune consapevolezza.

Mentre tocchiamo i nostri limiti, sappiamo che da questi vogliamo ripartire. Insieme. L’Europa siamo noi.

Chi ha scritto questo post

Cristina Comencini

Cristina Comencini

Scrivo libri e dirigo film. Negli anni settanta ho partecipato al movimento femminista. Ero diventata madre giovanissima e la relazione con altre donne mi ha aiutato a capire me stessa, la mia vita. Abbiamo concepito e scritto l’appello del 13 febbraio 2011 perché pensavamo che era arrivato il tempo di rimetterci a lavorare tutte insieme intorno a un progetto comune per fare dell’Italia un paese anche per noi. Oggi credo che la nuova frontiera per le donne sia la costruzione con gli uomini di un mondo a due diversi e pari. E uno dei temi fondamentali che dobbiamo portare nella società è proprio una nuova maternità, la relazione con l'altro da sé che le donne hanno nel corpo, nella mente, nella loro storia.

Commenta

Questo Sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Proseguendo nella navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Scopri di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi